I sensi del cane, e il suo modo di comunicare

Ott 12, 2018 | comunicazione | 0 commenti

articolo in collaborazione con
k9italy-logo

Tra poco parleremo di come sono sviluppati i sensi dei nostri amici a quattro zampe, e dei loro modi di comunicare.

Sai come funzionano la loro vista, il loro udito, o il loro olfatto?

Con queste informazioni, riuscirai a migliorare l’intesa tra te e il tuo cane, a comprendere meglio i suoi bisogni, e a comunicare in maniera più chiara con lui.

i sensi del cane

Ora metteremo a confronto le capacità percettive dei cani con quelle degli umani.

In questo modo sarà più evidente ciò che ci differenzia, e sarà più semplice evitare di commettere errori di comunicazione.

la vista

L’uomo ha un campo visivo di circa 180°, mentre per i cani varia in base alle loro caratteristiche.

A seconda delle razze, la capacità visiva può essere molto diversa, perché dipende anche dalla struttura del cranio.

  • i cani con cranio corto, hanno un campo visivo di 220°, di cui 30° o 50° di sovrapposizione tra l’occhio destro e quello sinistro;
  • i cani con cranio allungato, hanno un campo visivo di 250°, di cui 50°-70° di sovrapposizione.

La maggiore sovrapposizione dei campi dei due occhi, crea una visione stereoscopica maggiore, ovvero una visione tridimensionale più accurata.

Inoltre, esiste una diversità fra uomo e cane nella percezione dei colori.

Una pallina gialla o rossa su un prato verde, è mal percepita dal cane a livello visivo, mentre una pallina blu viene ben percepita dal cane anche quando è ferma.

l’udito

I cani e l’uomo percepiscono differenti frequenze a livello sonoro:

  • L’uomo percepisce un intervallo tra 64 e 23000 Hz
  • Il cane percepisce un intervallo tra 67 e 45000 Hz

I cani percepiscono anche gli ultrasuoni, e sono in grado di direzionare le orecchie (anche quelli con orecchie pendenti) per captare e convogliare i suoni verso l’orecchio interno.

l’olfatto

A livello olfattivo le differenze tra uomo e cane si fanno più accentuate. Infatti tutt’ora rimangono incompresi molti aspetti dell’utilizzo di questo senso da parte del cane.

La cosa certa, è che il loro livello di percezione degli odori è molto alto.

L’epitelio olfattivo (l’organo sensoriale del sistema olfattivo), nell’uomo è di circa 5 cm2, mentre in un cane tipo pastore tedesco è di 150-170 cm2.

A livello del cervello, i neuroni olfattori sono nell’uomo tra 12 e 40 milioni, e nel cane tra 220 milioni e 2 miliardi.

I cani presentano inoltre un organo che noi non possediamo, chiamato organo vomeronasale.

Si trova sopra il palato, nella cavità nasale, e riveste un ruolo “sociale” nell’olfatto: permette di percepire i feromoni (materni, sessuali e in generale legati alla specie).

Come comunicano i cani

Il mondo comunicativo del cane è molto complesso, e prevede l’integrazione di segnali visivi, uditivi e olfattivi.

Il linguaggio del corpo ha un ruolo fondamentale: il baricentro, la posizione della coda e delle orecchie, lo sguardo e l’atteggiamento della bocca, sono utilizzati nel loro insieme per comunicare con gli altri cani.

Atteggiamento neutro-rilassato

  • orecchie alte, tendenzialmente ferme
  • coda rilassata, spesso scodinzolante
  • bocca leggermente aperta
  • peso del copro ben distribuito sui 4 arti

Atteggiamento eretto o dominante

  • orecchie alte, spostate in avanti, e sguardo fisso
  • coda alta, con pelo dritto, e spesso ferma
  • bocca leggermente aperta, con labbra tirate per far intravedere i denti
  • zampe rigide e baricentro alto

Atteggiamento aggressivo di minaccia

  • orecchie alte, spostate in avanti, e sguardo fisso
  • coda rigida e alta
  • bocca leggermente aperta, con labbra arricciate e denti ben evidenti
  • corpo proteso, con peso sbilanciato in avanti
  • il pelo può essere dritto

Atteggiamento aggressivo di paura/difesa

  • orecchie basse e spostate indietro
  • coda rigida e bassa
  • muso rabbioso e denti esposti
  • peso del corpo sulla parte posteriore, e posizione leggermente accovacciata
  • il pelo può essere dritto

Postura di sottomissione attiva

  • orecchie basse e spostate indietro, occhi semi-chiusi
  • coda bassa con lento scodinzolio
  • bocca quasi chiusa e lingua leggermente fuori
  • corpo rivolto verso il basso, zampa a volte alzata

Postura di sottomissione passiva

  • orecchie indietro e occhi quasi chiusi
  • coda rivolta all’interno, in mezzo alle gambe
  • bocca leggermente aperta, con labbra arricciate e denti ben evidenti
  • zone del collo e dell’addome esposte

Atteggiamento di benvenuto

  • orecchie basse, e spostate indietro, con occhi semi-chiusi
  • coda curva e bassa, con lento scodinzolio
  • bocca quasi chiusa, e lingua leggermente fuori
  • corpo rivolto verso il basso, zampa a volte alzata

atteggiamento di invito al gioco

  • orecchie ben dritte e occhi aperti
  • coda curva e alta con scodinzolio
  • bocca aperta con lingua ben visibile
  • abbassamento del baricentro con propensione in avanti

lo stress del cane

I cani mostrano dei segnali fisici in concomitanza di eventi stressanti, che sono la manifestazione di sensazioni di disagio e ansia. Questi segnali, sono più difficili da leggere per noi, ma spesso i cani li integrano con posture del corpo e segnali uditivi.

leccarsi le labbra quando non è presente cibo

ansimare quando non surriscaldati o assetati

sbadigliare senza stanchezza

rifiutare cibo pur essendo affamati

ipervigilanza o irrequietezza

movimenti lenti ed esitanti

in conclusione

Ottimo!

Ora sai come sono sviluppati i sensi del tuo cane, ed hai i mezzi per comprendere meglio quello che vuole comunicarti.

Grazie per aver letto l’articolo, il tuo amico a quattro zampe sarà fiero di te!

Se avrai dei dubbi sul suo comportamento, potrai confrontare il suo atteggiamento e la sua postura con le immagini che hai appena visto.

Se l’articolo ti è stato di aiuto, inviaci un messaggio e faccelo sapere!

Ti piace questo argomento?

Per restare aggiornato sui prossimi articoli, e per approfondire l’educazione del cane, iscriviti e scarica ora il PDF gratuito con le 10 regole per l’educazione di base!
Una volta letto, avrai le conoscenze minime indispensabili per comunicare meglio con il cane.